ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Ricevi HTML?

2014 iscriviti al pdTESSERAMENTO 2014

Aderisci al Partito Democratico

Vieni nella nostra sede provinciale in via XXX Ottobre 19
lunedì dalle 9.00 alle 13.00
dal martedì al venerdì dalle 14.00 alle 18.00

Per informazioni:
Tel. 040 366833  email trieste@pd.fvg.it

 

2014 iscriviti al pd TESSERAMENTO 2014

Aderisci online al Partito Democratico

Con noi per l'Italia giusta

Per maggiori informazioni:
https://adesioni.partitodemocratico.it/

Nessun evento

 

 

 

 

 

 

Lettera Čok 18/10/2014

Pubblichiamo (in lingua italiana e slovena) la lettera mandata oggi dal segretario provinciale Štefan Čok a Il Piccolo e al Primorski dnevnik”.

 

Conosciamo il passato, non torniamoci

Leggendo i giornali di questi giorni, lo dico con rammarico, sembra che in questa città ci sia tanta voglia di tornar indietro. All'inizio degli anni Novanta. Oppure, perchè no, anche più indietro. Mi interessa relativamente se ci sia più desiderio in questo senso fra gli Sloveni o fra gli Italiani. Registro che probabilmente non ci faremmo un gran bene. Ma questo è quel che succede quando si taglia con l'accetta argomenti, come storia e memorie, che sappiamo quanto siano sensibili.

Sul 1945 consiglio a tutti, come la consiglio per quel che riguarda i periodi precedenti e successivi, la lettura della Relazione della Commissione mista italo–slovena (la si trova in internet, basta cercarla su Google), che spesso abbiamo detto essere (colpevolmente) troppo poco conosciuta, specie in Italia e che spiega anche come l'arrivo delle forze jugoslave venne vissuto in maniera diversa dalla popolazione di queste terre. La guerra finì nel maggio 1945, grazie al contributo di tutti coloro i quali, eserciti jugoslavi, neozelandesi, partigiani italiani e sloveni, hanno rischiato o addirittura dato la loro vita per porre fine al terrore nazifascista. E per questo a tutti loro, indipendentemente dalla loro ideologia politica o dalla loro nazionalità, non potremo mai essere abbastanza grati. Ma è così difficile capire che quei primi 40 giorni di dopoguerra saranno sempre, inevitabilmente, ricordati in modo diverso dalle diverse comunità cittadine, anche fra coloro i quali si consideravano e si considerano orgogliosamente antifascisti? Sapendo che dire questo non significa affatto voler mettere in discussione il sacrificio di tutti quelli che contribuirono alla sconfitta del nazifascismo? Su questo punto consiglierei soprattutto il paragrafo 10 della Commissione per il periodo ’41-’45 (ma per carità: non leggiamo solo quello. Sfruttiamo anche l’occasione per legger quel che c’è scritto prima e dopo!). O vogliamo fare la stessa cosa che abbiamo sempre (giustamente) contestato a chi ha usato la storia per fini politici, quella cioè di parlare solo delle parti che ci fanno comodo? Il consiglio di questa lettura, sia chiaro, è fatto dal sottoscritto con grande umiltà. Ribadendo per l’ennesima volta che la storia ufficiale non può e non deve esistere e che di cose da leggere sull’argomento ce n’è tante. In italiano. In sloveno. E in altre lingue. Perché gli storici continuano a lavorare. Sapendo che inevitabilmente su questo anche nella storiografia c’è stato un dibattito ampio e non univoco, fra storici italiani, sloveni e non solo. E sapendo anche che sarei contento di vivere in una città in cui soprattutto le giovani generazioni abbiano modo di conoscere tutto o almeno di esser consapevoli che il proprio vicino può avere una memoria differente, anche degli stessi eventi. Magari che un ragazzo italiano abbia la possibilità di capire cosa abbia significato, per gli Sloveni, l’incendio del Narodni dom. O i cognomi cambiati. O il poligono di Opicina. E tutto ciò che il fascismo ha portato. E magari che un ragazzo sloveno abbia la possibilità di conoscere le sofferenze di chi dopo il 1945 lasciò le proprie case, da esule. Il magazzino 18. O le foibe. E magari che un po’ tutti avessero modo di vedere le tensioni crescenti fra le comunità che montavano negli ultimi decenni della Trieste asburgica, già che ci siamo. E so anche che in realtà ci sono tante iniziative in questo senso, solo che è molto più semplice promuovere le polemiche su questi temi che le buone pratiche.

Sullo sloveno in Consiglio: non so se il Presidente Furlanič abbia letto le cose che ho scritto la scorsa settimana. Dato il giudizio che ne dà spero che lo dia solo sulla base delle poche righe che sulla stampa sono uscite. Anche perché ritengo di aver ribadito in tutti i modi che mi auguro che nel 2014 nessuno si stupisca nello scoprire che esiste un'identità triestina italiana e un'identità triestina slovena (e probabilmente, anche molte miste o ancora diverse). È evidente quindi che il Partito Democratico è a favore dell'attuazione della legge di tutela in tutte le sue parti, compresa quella concernente gli organismi istituzionali per la quale peraltro la legge prevede finanziamenti specifici. Le modalità per farlo possono essere diverse e conseguentemente dovremmo cercare di capire cosa in concreto vogliamo fare. Allora lo esplicito meglio: in questi tre anni perchè non è mai stato portato il tema all'attenzione della maggioranza? Cosa ha fatto il Presidente del Consiglio su questo tema, oltre che creare una polemica fortissima e mettere sullo stesso piano chi gli diceva «no» e chi gli diceva »non ne abbiamo ancora parlato finora, parliamone«? (Nota: sul «non ne abbiamo ancora parlato» sono disponibilissimo a fare io per primo autocritica. E lui?)

Sul PD che non è di sinistra e sul resto: posizioni legittime. Ma se il Presidente Furlanič voleva aprire un problema politico con le altre forze della maggioranza grazie alle quali è stato eletto a quella carica nel 2011 lo poteva fare senza andare a scomodare temi che sappiamo quanto abbiano diviso questa città in passato. E, forse, sarebbe anche opportuno che si chiedesse se pensa che il modo in cui ha posto le questioni in questi giorni sia il migliore per trovare delle soluzioni o non le allontani piuttosto.

Štefan Čok

segretario PD Trieste

 

Poznajmo preteklost, ne vračajmo se vanjo

Pri branju časopisov v zadnjih dneh imam vtis in obžalujem, da je v tem mestu močna želja po povratku nazaj v preteklost. Na začetek devetdesetih let. Ali pa, zakaj ne, tudi bolj nazaj. Me bolj malo zanima, ali je ta želja večja med Slovenci ali med Italijani. Ugotavljam le, da verjetno nam ne bi dosti koristilo. To pa se zgodi, ko se udari po tako občutljivih temah, kot so zgodovina in spomini.

Glede leta 1945 svetujem vsem, tako kot to svetujem za prejšnja in poznejša obdobja, branje poročila Mešane slovensko–italijanske komisije (dobi se na internetu, dovolj je pogledati na Googlu), glede katerega smo večkrat trdili, da je (po krivici) premalo poznan, predvsem v Italiji. Poročilo razlaga tudi, kako so različne skupnosti, ki živijo v tem prostoru, doživljale na različen način prihod jugoslovanskih sil. Vojna se je zaključila maja 1945, zahvaljujoč se doprinosu vseh tistih (jugoslovanska in novozelandska vojska, italijanski in slovenski partizani), ki so tvegali ali celo dali življenje, da bi prenehal nacifašistični teror. Zaradi tega jim ne bomo nikoli dovolj hvaležni, ne glede na njihovo narodnost ali politično ideologijo. A je tako težko razumeti, da bodo različne mestne skupnosti vedno imele različen spomin na tistih prvih 40 dni povojnega obdobja in to velja tudi za tiste, ki so se imeli in se ponosno imajo za antifašiste? Ob upoštevanju, da izreči to trditev ne pomeni sploh ponižati žrtvovanja vseh tistih, ki so dali svoj doprinos za zmago nad nacifašizmom? Glede te točke bi svetoval predvsem deseti odstavek Komisije za obdobje 1941-1945 (ampak prosim: ne prebirajmo samo tistega. Izkoristimo priložnost, da preberemo tudi tisto, kar piše pred in po tem!). Ali pa se želimo ravnati na način, ki smo ga vedno (upravičeno) osporavali tistim, ki uporabljajo zgodovino v politične namene, to je, da spregovorimo le o tistih delih, ki so nam po godu? Podpisani svetuje to branje, naj bo jasno, z veliko skromnostjo. Še enkrat bi želel poudariti, da uradna zgodovina ne obstaja, da ne sme obstajati in da je količina gradiva na razpolago ogromna. V italijanščini. V slovenščini. In v drugih jezikih, ker zgodovinarji nadaljujejo z delom. In vemo tudi, da v samem zgodovinopisju je bila debata glede teh tem široka in večstranska med italijanskimi, slovenskimi in drugimi zgodovinarji. Zase vem, da bi si želel živeti v mestu, v katerem je predvsem mladim generacijam omogočeno poznavanje vsega, oziroma da se zavedajo, da lahko ima njihov sosed različen spomin, tudi na iste dogodke. Po možnosti, da bi italijanski mlad človek imel možnost razumeti, kaj je pomenil za Slovence požig Narodnega doma. Ali spreminjanje priimkov. Ali Opensko strelišče. In vse tisto, kar je s sabo prinesel fašizem. In da bi po možnosti slovenski mlad človek lahko spoznal trpljenje tistih, ki so kot ezuli zapustili svoje domove po letu 1945. Skladišče 18. Ali fojbe. In da bi se po možnosti lahko vsi zavedali, kako je naraščala napetost med skupnostmi v zadnjih desetletjih habsburškega Trsta, ko smo že pri tem. Vem tudi, da je v tem smislu res veliko pobud, le da je veliko lažje v javnosti promovirati polemike glede teh tem namesto dobrih praks.

Glede slovenščine v Svetu: ne vem, ali je Predsednik Furlanič prebral, kar sem napisal prejšnji teden. Glede na njegovo oceno teh besed upam, da jo je podal le na osnovi tistih malo vrstic, ki jih je tisk objavil. Tudi ker menim, da sem poudaril na vse možne načine upanje, da se ne bo nihče čudil leta 2014, da obstajata italijanska tržaška identiteta in slovenska tržaška identiteta (ter verjetno mnoge mešane ali povsem drugačne). Jasno je torej, da se Demokratska stranka zavzema za izvajanje zaščitnega zakona v vseh njegovih delih, vključno s tistim, ki se tiče institucionalnih organov, za katerega obstajajo temu namenjena finančna sredstva. Obstajajo pa različne možnosti kako to storiti in bi se torej morali pogovoriti o tem. Torej bom povedal jasneje: zakaj v teh treh letih ni nihče opozoril večine glede te teme? Kaj je storil Predsednik občinskega sveta glede tega, poleg izredno močne medijske polemike in poleg tega, da je dal na isto raven tiste, ki so mu rekli »ne«, in tiste, ki so mu rekli »nikoli se nismo pogovarjali o tem, zdaj pa začnimo«? (pripomba: glede tega, da »nikoli se nismo pogovarjali o tem«, sem jaz kot prvi pripravljen na samokritiko. Kaj pa on?)

Glede DS, ki ni več levičarska in ostalih tem: stališča so legitimna. Če je pa Predsednik Furlanič želel odpreti politično vprašanje z drugimi silami večine, ki so ga izvolile v to funkcijo leta 2011, bi lahko to storil, ne da bi se dotaknil ravno tem, zaradi katerih se je to mesto ločevalo v preteklosti. Mogoče bi bilo tudi primerno, da bi se sam vprašal, ali je način, s katerim je postavil ta vprašanja v teh dneh, najboljši za doseganje rešitev ali pa jih mogoče oddaljuje.

Štefan Čok

Pokr tajnik Demokratske stranke

Convocazione dell'Assemblea provinciale

 
Lunedì 20 ottobre alle ore 17.30 (con termine alle ore 20.00) presso l'Aula magna dell'ENAIP in via dell'Istria 57 è convocata l'ASSEMBLEA PROVINCIALE del PD di Trieste.
L'ordine del giorno è il seguente: 
 
1) Approvazione del bilancio
2) Commissione di garanzia provinciale
3) Situazione politica nazionale.
 
Alessia Cozzi
Presidente Assemblea provinciale