ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER



Ricevi HTML?

2014 iscriviti al pdTESSERAMENTO 2014

Aderisci al Partito Democratico

Vieni nella nostra sede provinciale in via XXX Ottobre 19
lunedì dalle 9.00 alle 13.00
dal martedì al venerdì dalle 14.00 alle 18.00

Per informazioni:
Tel. 040 366833  email trieste@pd.fvg.it

 

2014 iscriviti al pd TESSERAMENTO 2014

Aderisci online al Partito Democratico

Con noi per l'Italia giusta

Per maggiori informazioni:
https://adesioni.partitodemocratico.it/

Nessun evento

 

 

 

 

 

 

LA NOSTRA SCUOLA

Invito ad evento pubblico

Nel momento in cui la Riforma è ancora all'esame del Parlamento, dopo il voto alla Camera e prima del passaggio in Senato, il Partito democratico di Trieste organizza un'occasione pubblica di confronto aperto.

L'incontro si svolgerà venerdì 29 maggio, alle ore 17.30, al Teatro Miela di Trieste. Si aprirà con un intervento dell'on. Tamara Blazina, deputato e membro della 7a commissione Cultura, scienza e istruzione, cui spetterà il compito di illustrare la Riforma nel suo complesso. Seguirà un dibattito aperto, cui hanno già garantito la propria partecipazione rappresentanti dei docenti, degli studenti e delle organizzazioni sindacali. Moderatore del confronto sarà il giornalista Franco Del Campo.

Vi aspettiamo

nostra scuola

A proposito dell'atto dimostrativo dei COBAS Scuola presso la Sede PD di Trieste

“Il Partito democratico è sempre pronto a discutere su ogni argomento, ma nell’alveo del rispetto, del vivere civile e della legalità. Su temi importanti come la riforma della scuola auspichiamo meno blitz e più confronti civili, in luoghi concordati e con i toni adeguati”. Lo afferma il segretario del Pd di Trieste Nerio Nesladek dopo l’”irruzione” di un gruppo di esponenti dei Cobas nella sede del Pd di Trieste in via XXX Ottobre oggi pomeriggio.

Secondo Nesladek “i Cobas non hanno espresso alcuna volontà di confronto, facendo una solitaria e sterile azione dimostrativa sconfinante nell’illegalità, come può essere definito l’ingresso non autorizzato di un gruppo di persone all’interno di una sede di partito, con modalità piuttosto dubbie. La nostra sede – commenta Nesladek – è sempre aperta a tutti i cittadini, ma rimane uno spazio che non si può “occupare” senza chiedere permesso”.

“Da chi è parte di associazioni che dovrebbero tutelare i lavoratori – commenta Nesladek – troviamo grave che, in assenza di referenti politici, si decida comunque di  mettere in scena atti dimostrativi nella sede di un partito: non esiste forma di irruzione o occupazione che possa assumere i toni di un confronto serio e corretto”.

“Per parlare della riforma della scuola con il Pd sarebbe stato sufficiente concordare un incontro con una telefonata. Avrebbe potuto suggerirlo proprio uno dei partecipanti al “raid”: quell’esponente che solo pochi giorni prima era stato ricevuto dalla presidente Serracchiani per raccogliere la sua adesione a una campagna antiomofoba nella scuola”.